default_mobilelogo

Newsletter

Vuoi ricevere una notifica quando sono disponibili nuovi contenuti sul nostro blog? clicca qui

 

 

Mi sembra che la tendenza generale dell’Università odierna sia verso una progressiva tecno-burocratizzazione e spettacolarizzazione, e che il Covid-19 abbia ‘solo’ aggiunto, adesso, anche il rischio che si possa ritenere la didattica online non uno strumento di fortuna cui ricorrere in casi di emergenza e in mancanza di alternative ma un nuovo e comodo orizzonte (videolezioni in diretta o addirittura registrate) da sostituire a quello delle lezioni in presenza.

In conseguenza dell’emergenza sanitaria, ‘Visioni del tragico’ è diventata anche una piattaforma di discussione su problemi connessi alle crisi dovute alla pandemia, secondo precise linee di riflessione Da allora, una parte degli interventi di questi mesi si è fermata sulla complessità richiesta all’Università in tempo di crisi e sulle questioni sollevate dall’uso obbligato della didattica a distanza. Si tratta di un aspetto essenziale e vitale per il futuro dell’ Università, non solo nella sua funzione formativa, e siamo perciò onorati e felici di poter pubblicare un intervento in proposito di uno studioso di vaglia ed esperienza come Guido Avezzù (per la cui bibliografia sino al 2018 vedi qui ), che non potrà che sollecitare, si spera, documentate proposte e concrete azioni.  

In questo tempo di violenze, oltraggi, scissioni, conflitti e dolore, Theater of War Productions ha condiviso questa performance virtuale, eseguita dal coro di Antigone a Ferguson , diretto dal compositore Phil Woodmore e guidato dalla straordinaria De-Rance Blaylock.

Rileggere l’Edipo re

Il video che abbiamo realizzato è il risultato del desiderio di dar voce, tramite la lettura e la riflessione su un testo antico, ai nostri pensieri, alle emozioni che ci hanno attraversato e ci attraversano in questo difficile tempo. Stavamo preparando, nei mesi precedenti al lockdown, la messa in scena del mito di Edipo così come l’ha pensata Sofocle, dunque Edipo prima Re poi esule. La scelta dei due drammi sofoclei su Edipo, alla luce della situazione attuale, sembra essere stata  quasi una profezia o un segno del destino. Ripercorriamone, brevemente, la trama.